INTERNAZIONALIZZAZIONE TURNAROUND CONSULENZA AZIENDALE CONSULENZA SOCIETARIA AREA FISCALE E TRIBUTARIA CONTROLLO DI GESTIONE
Crossborder
Opportunità di sviluppo
in Romania
ed Est Europa
Turnaround
Strategie di superamento
della crisi aziendale
Consulenza Aziendale
Organizzare,
Analizzare,
Pianificare, Elaborare
Consulenza Societaria
Guidare l'impresa
in operazioni straordinarie
Fiscale e Tributaria
Integrare la pianificazione fiscale
in fase progettuale
Controllo di Gestione
Disporre di informazioni per agire tempestivamente
 
 
  NEWS

 

Aprile 2020 Decreto Liquidità : imposta di bollo
Il Decreto Liquidità prevede nuovi termini di scadenza per il versamento dell’imposta di bollo relativa ai primi due trimestri dell’anno solare, a condizione che l’importo da versare sia inferiore ad euro 250.  Per definire la data di scadenza del versamento occorrerà tener conto dell’ammontare dell’imposta di bollo relativa sia al primo trimestre che al secondo trimestre. - Se l’imposta di bollo sulle fatture elettroniche relative al primo trimestre è inferiore a 250 euro, il relativo versamento può essere effettuato entro la scadenza del secondo trimestre, quindi entro il 20 luglio. - Tale ultima scadenza potrà essere ulteriormente prorogata nell’ipotesi in cui l’importo complessivo dell’imposta di bollo, determinato dalla somma dell’importo relativo sia al primo che al secondo trimestre dell’anno solare, sia ugualmente inferiore a 250 euro; in tal caso, il versamento può essere posticipato alla scadenza prevista per il versamento del terzo trimestre, quindi al 20 ottobre 2020.  La disposizione in esame non modifica i termini di versamento relativi all’imposta di bollo dovuta sulle fatture elettroniche emesse sia nel terzo che nel quarto trimestre dell’anno solare. Lo studio rimane a disposizione per eventuali chiarimenti .
Marzo 2020 Al 31 Marzo l'invio telematico delle CU 2020

AL 31 MARZO L’INVIO TELEMATICO DELLE CU 2020 Si segnala che l’art. 1 del DL 2 Marzo 2020 n.9, pubblicato in Gazzetta Ufficiale”, ha previsto la proroga al prossimo 31 marzo delle Certificazioni Uniche 2020. Pertanto, non sarà il prossimo 9 marzo 2020 la scadenza per la consegna e l’invio telematico delle certificazioni uniche dei lavoratori dipendenti e di tutti gli altri soggetti interessati dalla dichiarazione dei redditi precompilata ma la scadenza è prorogata al prossimo 31 marzo 2020. La conseguenza di questo provvedimento impatta anche su un’altra importante scadenza fiscale: l’invio telematico del modello 730/2020 precompilato che slitta al prossimo 30 settembre 2020. A questo proposito, i tecnici del Ministero dell’Economia hanno già assicurato che lo slittamento dei termini non determinerà conseguenze sui tempi di rimborso dei crediti fiscali e dei conguagli in busta paga.  

Gennaio 2020 ESTEROMETRO
Con la conversione in Legge del DL n. 124/2019 (art. 16 c. 1 bis), cambia la periodicità dell’esterometro passando da mensile a trimestrale. La comunicazione, pertanto, a partire dal mese di  gennaio 2020, deve essere inviata entro la fine del mese successivo al trimestre di riferimento anziché, come previsto precedentemente, entro la fine del  mese successivo
26/09/2019 Sostituzione di serramenti con altri diversi nella manutenzione ordinaria
La sostituzione di serramenti esterni rientra tra gli interventi di manutenzione straordinaria, i può, quindi, beneficiare della detrazione IRPEF. Gli interventi di rifacimento, riparazione e tinteggiatura esterna se sono direttamente correlati  alla sostituzione dei serramenti esterni, le relative spese sono ammesse alla detrazione e concorrono alla verifica del limite massimo ammesso alla detrazione stessa.
10/09/2019 Esterometro
Agenzia delle Entrate, Circolare n. 17/E/2019: nell’esterometro si considerano le operazioni a prescindere dal regime territoriale IVA dei soggetti coinvolti.
02/03/2017 Inps: niente Durc finché non si versa la prima rata della rottamazione

Interviene in materia di rottamazione delle cartelle l’INPS, con il messaggio n. 824 del 2017, per specificare quali somme componenti il ruolo rientrano nella definizione agevolata e quali no. L’Istituto inoltre chiarisce definitivamente che, per il rilascio del DURC positivo, non è sufficiente la sola presentazione dell’istanza ma è necessario provvedere almeno al pagamento della prima rata.

02/03/2017 Bilanci e holding, iscritti i dividendi deliberati

Costo della partecipazioni, dividendi, eliminazione delle azioni proprie, classificazione in bilancio dei rapporti con imprese sorelle: sono questi gli aspetti più rilevanti contenuti nei nuovi principi contabili Oic emanati a seguito del Dlgs 139/2015. Le novità riguarderanno i bilanci ordinari 2016 (se solari) delle holding di partecipazioni industriali, la cui area caratteristica è costituita dalla voce C del conte economico: dividendi, plusvalenze, altri proventi finanziari, interessi attivi e passivi ed altri oneri finanziari.

Dal 2016, viene eliminata la previsione relativa alla rilevazione dei dividendi già nell'esercizio di maturazione e viene stabilita l'unica regola generale che prevede che i dividendi sono rilevati nell'esercizio in cui ne è stata deliberata la distribuzione.

02/03/2017 Nuovi termini per la stampa dei registri Iva

L’anticipo dell’invio della dichiarazione Iva relativa al 2016 (28 febbraio 2017), comporta anche l’anticipo al 28 maggio 2017 della stampa o della conservazione sostitutiva dei registri Iva del 2016, oltre che dell’archiviazione elettronica delle fatture elettroniche emesse nel 2016.

La proroga dei modelli Redditi SC 2017, per alcuni soggetti Ires, invece, posticiperà al 15 gennaio 2018 la stampa o la conservazione sostitutiva del libro giornale, dei mastrini, del libro degli inventari, del registro dei beni ammortizzabili e delle scritture ausiliarie di magazzino. 

02/03/2017 Le unioni civili entrano nel 730/2017

L’agenzia delle Entrate si adegua in pieno al mondo che cambia e “riconosce” le unioni civili anche nel modello 730. Sono state apportate delle correzioni alle istruzioni del modello 730, nelle quali, appunto, viene  aggiunta la frase: «...le parole “coniuge”, “coniugi” o termini equivalenti si intendono riferiti anche ad ognuna delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso».

I datori di lavoro sono stati i primi ad aggiornare le regole estendendo alle unioni civili la licenza matrimoniale e i permessi per motivi familiari; nonché il diritto del partner superstite al Tfr e alla pensione di reversibilità in caso di decesso. Ora si adeguano anche le istruzioni del 730.

04/11/2016 Agenti della riscossione - Soppressione di Equitalia
In base all'art. 1 del DL 22.10.2016 n. 193, dall'1.7.2017 è disposta la soppressione di Equitalia e, di fatto, la sua sostituzione con un diverso ente pubblico economico, denominato "Agenzia delle Entrate-Riscossione".Sul versante della riscossione e del contenzioso, a parte il mutamento indicato, non dovrebbero esserci effetti per i contribuenti, in quanto:- il nuovo ente pubblico economico subentra in tutti i rapporti giuridici, attivi e passivi, facenti capo a Equitalia, compresi quelli di natura processuale;- la funzione di Agente della riscossione è svolta dall'ente "Agenzia delle Entrate-Riscossione";- rimangono fermi tutti e poteri e le attribuzioni del DPR 602/73.Si evidenzia che, per espressa disposizione normativa, rimane ferma la debenza del compenso di riscossione ex art. 17 del DLgs. 112/99.I riferimenti, in norme vigenti, ai concessionari del servizio nazionale di riscossione e agli agenti della riscossione si intendono ora inerenti all'ente "Agenzia delle Entrate-Riscossione".
04/11/2016 Detrazione degli interessi passivi su mutui per l'acquisto dell'abitazione principale
Detrazione degli interessi passivi su mutui per l'acquisto dell'abitazione principale - Estensione ai titolari di diritti reali (Cass. 3.11.2016 n. 22191) La Corte di Cassazione, nella sentenza 3.11.2016 n. 22191, ha esteso l'ambito applicativo della detrazione IRPEF degli interessi passivi derivanti da mutui ipotecari accesi per l'acquisto dell'abitazione principale prevista dall'art. 15 co. 1 lett. b) del TUIR.In sostanza, il riferimento all'"acquisto dell'unità immobiliare", rapportato all'esigenza dell'abitazione, deve intendersi come un acquisto di un diritto reale, quale esso sia, compreso quindi il diritto di usufrutto, uso e abitazione, in grado di soddisfare l'esigenza abitativa. Nel caso analizzato dalla Cassazione, un contribuente ha acquistato la nuda proprietà di un immobile e ha costituito un diritto di usufrutto vitalizio sullo stesso bene a favore del convivente il quale ha acceso un mutuo ipotecario. Alla luce dei chiarimenti contenuti nella sentenza in commento, quindi, l'usufruttuario che ha acceso il mutuo ipotecario può beneficiare della detrazione IRPEF del 19% degli interessi passivi. Per fruire del beneficio fiscale, quindi, rimane fermo che l'intestatario del mutuo debba coincidere con il possessore dell'unità immobiliare acquistata a titolo di proprietà o di altro diritto reale (usufrutto, uso o abitazione). Detrazione degli interessi passivi su mutui per l'acquisto dell'abitazione principale - Estensione ai titolari di diritti reali (Cass. 3.11.2016 n. 22191) La Corte di Cassazione, nella sentenza 3.11.2016 n. 22191, ha esteso l'ambito applicativo della detrazione IRPEF degli interessi passivi derivanti da mutui ipotecari accesi per l'acquisto dell'abitazione principale prevista dall'art. 15 co. 1 lett. b) del TUIR.In sostanza, il riferimento all'"acquisto dell'unità immobiliare", rapportato all'esigenza dell'abitazione, deve intendersi come un acquisto di un diritto reale, quale esso sia, compreso quindi il diritto di usufrutto, uso e abitazione, in grado di soddisfare l'esigenza abitativa. Nel caso analizzato dalla Cassazione, un contribuente ha acquistato la nuda proprietà di un immobile e ha costituito un diritto di usufrutto vitalizio sullo stesso bene a favore del convivente il quale ha acceso un mutuo ipotecario. Alla luce dei chiarimenti contenuti nella sentenza in commento, quindi, l'usufruttuario che ha acceso il mutuo ipotecario può beneficiare della detrazione IRPEF del 19% degli interessi passivi. Per fruire del beneficio fiscale, quindi, rimane fermo che l'intestatario del mutuo debba coincidere con il possessore dell'unità immobiliare acquistata a titolo di proprietà o di altro diritto reale (usufrutto, uso o abitazione).
02/11/2016 Modello di comunicazione polivalente Operazioni con Paesi black list - Comunicazione dei dati - Soppressione dell'obbligo
L'art. 4 co. 4 lett. d) del DL 22.10.2016 n. 193 ha eliminato l'obbligo di comunicare i dati delle operazioni di importo complessivo annuale superiore a 10.000,00 euro con controparti aventi sede, residenza o domicilio in Stati a fiscalità privilegiata, disciplinato dall'art. 1 co. 1-3 del DL 25.3.2010 n. 40, conv. L. 22.5.2010 n. 73.  
02/11/2016 Definizione dei ruoli e degli accertamenti esecutivi Definizione ex DL 22.10.2016 n. 193
Disciplina generaleL'art. 6 del DL 22.10.2016 n. 193 ha previsto una sanatoria delle somme iscritte in ruolo e da accertamenti esecutivi, a condizione che si tratti di importi affidati ad Equitalia nel periodo compreso tra l'1.1.2000 e il 31.12.2015.Tale definizione concerne tutti i carichi di ruolo e/o derivanti da accertamenti esecutivi/avvisi di addebito, quindi non solo le entrate derivanti da Agenzia delle Entrate e INPS, ma ogni entrata riscossa da Equitalia (es. Casse di previdenza professionale, sanzioni sul lavoro nero, ecc.).Restano escluse le tassative fattispecie elencate dalla norma, come ad esempio i dazi e l'IVA all'importazione.Il beneficio consiste nello stralcio di tutte le sanzioni amministrative e degli interessi di mora (art. 30 del DPR 602/73).Sono ammessi anche coloro i quali hanno già pagato parte degli importi (senza diritto ad alcuna ripetizione), a condizione che i versamenti delle rate ex art. 19 del DPR 602/73 del periodo 1.10.2016-31.12.2016 siano regolari.
02/11/2016 Dichiarazioni Integrative - Novità del DL 22.10.2016 n. 193
Dichiarazioni integrative - Novità del DL 22.10.2016 n. 193 Il DL 22.10.2016 n. 193 ha riformato interamente l'art. 2 co. 8 e 8-bis del DPR 322/98, prevedendo che:- la dichiarazione dei redditi, IRAP e del sostituto d'imposta può essere emendata entro i termini di decadenza dal potere di accertamento per correggere errori ed omissioni comprese le irregolarità che danno luogo a variazioni, a favore o a sfavore del contribuente, dell'imposta, dei crediti d'imposta o della base imponibile (regole simili sono previste per la dichiarazione IVA).
02/11/2016 Agevolazioni Fiscali- Aiuti per la Crescita Economica (ACE)
Novità del Ddl di bilancio 2017 Il Ddl di bilancio 2017 interviene sulla disciplina dell'ACE:- riducendo il coefficiente di remunerazione dell'incremento del capitale investito, che passa al 2,3% per il 2017 per poi andare a regime al 2,7% dal 2018;- prevedendo la riduzione della base ACE sino a concorrenza dell'incremento della consistenza dei titoli e dei valori mobiliari diversi dalle partecipazioni rispetto all'analoga consistenza al 31.12.2010;- uniformando i criteri di determinazione della base imponibile degli imprenditori individuali e delle società di persone in contabilità ordinaria a quelli delle società di capitali;- eliminando la maggiorazione del 40% per le società neoquotate, mai oggetto di attuazione;- prevedendo per il riporto delle eccedenze ACE nelle fusioni le medesime limitazioni fissate dall'art. 172 co. 7 del TUIR per le perdite fiscali.
09/21
AGGIORNAMENTI FISCALI
Da ottobre servizi on line del Fisco solo con SPID CIE e CNS per i cittadini
09/21
SCADENZIARIO
CONTATTI
CSA International Consulting Srl
Piazza Sant'Angelo, 1 - 20121 Milano
Tel: +39.02.54123457 - Tel.: +39.02.65560922
E-mail: studio@csaconsulting.eu
www.csaconsulting.eu


I NOSTRI VALORI
Vision-Mission
Business Approach
Organizzazione

IL NOSTRO TEAM
Le Sedi
Il Team

SITE MAP
Copyright © 2013 CSA International Consulting.
All rights reserved.
Policy | P.I. 07999590966 | REA: MI-1996312